PROGRAMMA EDUCATIONAL TOUR - 22-25 MAGGIO 2017


Lunedì 22 Maggio 2017
- Ore 12.00 Arrivo degli ospiti in Hotel a Spoleto sistemazione e pranzo
- Ore 15.30/17.00 Visita guidata della città di Spoleto
- Ore 17.30/18.30 Terminal “Le Mattonelle” accoglienza città di Spoleto e saluto del Sindaco
- Ore 18.30 Cooking show e corso di cucina con degustazione di prodotti tipici del territorio presso Palazzo Tordelli
- Ore 22.00 Rientro in Hotel

Martedì 23 Maggio 2017
- Ore 8.30 Partenza in direzione di Bevagna, visita del centro storico
- Ore 12.00 Partenza per Cantalupo di Bevagna. Visita guidata di una Cantina e degustazione con assaggio delle produzioni vinicole umbre.
- Ore 15.00 Rientro a Spoleto
- Ore 16.00 Get Togheter e B2B con operatori turistici umbri presso la Galleria d’Arte Moderna
- Ore 20.30 Cena conviviale
- Ore 22.30 Passeggiata notturna per le vie del centro storico di Spoleto
- Rientro in hotel

Mercoledì 24 Maggio 2017
- Ore 9.00 Partenza per Trevi e visita guidata del centro storico
- Ore 13.30 Pranzo presso trattoria tipica
- Ore 15.00 Visita guidata al Tempietto sul Clitunno inserito nel Sito seriale Unesco “Italia Longobardorum”
- Ore 17.00 Visita alla Rocca città di Spoleto
- Ore 20.30 Cena in Trattoria tipica
- Ore 22.30 Rientro in Hotel

Giovedì 25 Maggio 2017
- Partenza in bus verso l’aeroporto indicato

Percorso nella storia e nella bellezza

La Settima edizione di “Umbria Le Giornate del Patrimonio Unesco” 2016 svoltasi nel mese di ottobre 2016 è stata l’occasione per sviluppare una riflessione sullo stretto rapporto che intercorre tra attività di valorizzazione del patrimonio dell’umanità, turismo e sviluppo locale sostenibile.
A tale proposito al fine di potenziare notevolmente l’immagine della nostra Regione legata all’Unesco, per il prossimo 2017, anche nell’intento di rilanciare la Regione Umbria e le sue aree maggiormente colpite dal sisma, il nostro evento avrà luogo nella città di Spoleto dal 22 al 25 maggio.
La manifestazione sarà realizzata nel territorio del Comune di Spoleto, che rientra proprio nel cosiddetto “cratere”, potendo così dimostrare la fruibilità delle sue strutture ricettive e della sua offerta turistica in genere nonostante gli eventi simici, mantenendo nel contempo l’obiettivo di potenziare l’attività scientifica, turistica, culturale legata ai percorsi di eccellenza e bellezza che si sviluppano in questo comprensorio.
La presenza di fattori di attrazione della domanda turistica, in particolare il patrimonio culturale, artistico e paesaggistico e di adeguate strutture di accoglienza e mobilità, è infatti da considerarsi condizione necessaria ma non sufficiente perché si dispieghi appieno la capacità di un territorio di intercettare i flussi potenziali di turisti nazionali e stranieri legati alla divulgazione del Patrimonio e alla valorizzazione del brand Unesco.
L’Umbria si è mossa negli ultimi anni, aiutata dall’immagine che da sempre la distingue di terra del viaggiare lento, attento ai paesaggi, alle tracce dell’uomo e ai valori spirituali e sociali che sono stati ben preservati.
In particolare nel territorio Spoletino data la presenza di due Beni inseriti nel Patrimonio Unesco all’interno del Sito seriale “Italia Longobardorum”.
Favoriti da tali premesse, la ricerca di un costante e virtuoso rapporto tra recupero, tutela, valorizzazione e sviluppo sociale ed economico è diventata il tratto distintivo e caratterizzante della nostra Regione.
Verrà maggiormente spinto il rapporto con l’Associazione Beni Italiani Patrimonio Unesco grazie alla collaborazione con la quale sarà maggiormente visibile ogni tipo di attività come quella presentata nel nostro progetto, sia di promozione turistica, ma anche di approfondimento scientifico e culturale.
Nell’ambito di tali progettualità, la ricerca di una maggiore visibilità internazionale tramite candidature alle liste UNESCO ha rivestito grande importanza: abbiamo conquistato il cinquantunesimo sito italiano e la Regione intera sta promuovendo le candidature a patrimonio immateriale dell’umanità del Calendimaggio di Assisi, dei Ceri di Gubbio e dei siti della Valnerina e di Orvieto e di Perugia, oltre alla Fascia Olivicola Assisi-Spello-Trevi- Spoleto come ribadito anche nell’edizione di quest’anno.
Per la nostra Regione e per questo territorio sarà fondamentale capire che la designazione nella World Heritage List costituisce un’opportunità da utilizzare al meglio, piuttosto che un valore in sé.
Ciò su cui l’Umbria si dovrà concentrare ancor più e meglio è la “capitalizzazione” del marchio Unesco, inglobando i progetti di candidatura all’interno del vero e proprio piano di sviluppo culturale e turistico regionale.
A tale proposito, l’evento Umbria e le Giornate Patrimonio Unesco “Percorso nella storia e nella bellezza” che quest’anno si terrà nel Comune di Spoleto, rappresenta l’unico momento di promozione turistica e scientifica che si avvale del prestigioso contributo e Patrocinio dell’Associazione Italiana Beni Patrimonio Unesco e del MIBACT, avendo già negli anni passati attraverso la manifestazione WTU ottenuto l’importante ed esclusivo Patrocinio dell’Unesco.

Scarica il Programma dell'Evento

Scarica Adesione Hosted Buyer